sabato 15 dicembre 2007

Cari civich... la pazienza ha un limite. Ridotto!

I vigili urbani (= civich) non devono scherzare con il fuoco... rischiano di bruciarsi!

Vi racconto una giornata che da taluni può essere considerata sfortunata, ma da altri, da un altro punto di vista, un accanimento che potrebbe portare ad una esasperazione di massa.

Mattina: vado al lavoro e parcheggio la mia auto in una zona di "carico-scarico" di fianco al mio ufficio. torno dopo 5 minuti con scatoloni e pc che dovevo portare da una filiale ad un'altra e...
MULTA di 74 euro!
motivazione: non venivano effettuate operazioni di carico scarico in quanto il veicolo era chiuso.
ora... a Torino, vicino a Porta Palazzo, è difficile che tu tenga una Alfa 159 aperta in mezzo alla strada, anche se ti assenti per qualche minuto.
siete scemi?

Pranzo: vado a pranzo da un amico. Alle 13.10 parcheggio l'auto in un viale ad alto scorrimento. Torno dopo 50 minuti e...
MULTA di 74 euro!
motivazione: una ruota sulla striscia bianca.
ora... a Torino, vicino a Tossic Park, ho cercato di parcheggiare in una zona dove l'auto fosse visibile. Nelle stradine intorno, c'è sempre il rischio ed è noto a tutti che vengano danneggiate e prese d'assalto da ladruncoli e drogati in cerca di pochi spiccioli. per una ruota che non limitava nenche il passaggio. per una ruota in pausa pranzo...
siete orbi??

Pomeriggio (tardi): torno a casa e nella buca delle lettera una simpatica lettera del Comune di Venaria e...
MULTA di 51 euro!
motivazione: superamento di 1 Km l'ora del limite di velocità.
ora... tra Torino e Venaria, dietro allo Stadio Delle Alpi, non puoi chiedere di rispettare i 50 km l'ora uscendo dalla tangenziale.
siete deficienti (nel senso che mancate di intelligenza, occhio clinico, intuizione)???

Questo vissuto, in prima persona, mi spaventa decisamente.

In primis, è davanti agli occhi di tutti che il Governo dei "rossi" taglia ai Comuni e i Comuni (la maggior parte proprio "rossi"), non volendo polemizzare con Roma, cercano di incrementare le entrate dell'erario in altro modo: multe, con motivazioni ridicole!!

In seconda battuta, i vigili sopratutto, non si rendono conto che piccoli escamotage vengono presi solo per una questione di insicurezza (l'auto chiusa a chiave, il parcheggio in zona sicura).

Anzichè pensare a bacchettare piccoli gesti (che non possono essere chiamati di inciviltà), mirino a controllare il territorio di competenze con effettive e utili azioni di POLIZIA urbana.
E' nel nome che portano!

Civich, fate attenzione ad opprimere così il cittadino...
la pazienza non è infinita!

see u,
Giangiacomo

9 commenti:

Michel ha detto...

Un accanimento, non terapeutico, un oppressione del libero cittadino. I Comuni hanno problemi di soldi. I vigili psicologici e così...
noi dobbiamo farne le spese!

see u

Cristian ha detto...

Tensiun civich che tat ciapi anche 'na sgiaflun et vadi a ca cun al curam ca brüsa.

Traduzione (adattata) per che non cpaisce il piemontese: attento vigile, non sai mai chi trovi.

www.dillatutta.com

Anonimo ha detto...

e poi si stupiscono se i tribunali sono intasati di ricorsi... ormai la multa è la principale fonte d'entrate dei comuni!

tulkas
http://lacasadelleliberta.splinder.com

Camelot Destra Ideale ha detto...

Per non parlare delle cartelle esattoriali pazze..un altro mezzuccio per far cassa in modo rapido e indolore, indolore per lo stato, s'intende..
http://www.camelotdestraideale.it/

ivano ha detto...

vi prego di andare in giro oggi a torino... mai visto tanti vigili così... stanno facendo le pulci a tutte le auto!!!!!!!!!!!!

cosa pretendono?

Anonimo ha detto...

Politica fai-da-te di Massimo Gramellini

Nei paraggi di una città del Nord Italia (quela che sta in un angolo per non disturbare e ha un sindaco così serio che oltre la cinta daziaria non se lo fila nessuno) è successo qualcosa di minuscolo, ma già enorme. Gli abitanti di alcuni paesi hanno sperimentato un nuovo istituto di democrazia diretta: la rivoltà di massa.
In un luogo delizioso chiamato Chieri, decine di venditori ambulanti hanno paralizzato il traffico per contestare le nuove norme di viabilità.
A Venaria, la Versailles italiana che ha riaperto da poco i gardini e i saloni reali, quasi tremila persone hanno prosaicamente firmato una petizione contro i bidoni dela raccolta differenziata collocati nei cortili, inducendo le Autorità a sospenderne la distribuzione.
Ma è a Settimo Torinese che la ribellione popolare ha celebrato la sua piccola Bastiglia. Il sindaco è stato costretto a spegnere una telecamere che aveva inflitto con imparziale ferocia oltre trentamila multe, dopo che l'intera cittadinanza si era presentata davanti al Municipio per reclamare la revoca delle contravvenzioni, trionfalmente ottenuta con un sacrificio di 2,8 milioni di euro per le casse comunali.
Era dunque questo l'approdo inevitabile della cattiva politica che costa molto, produce poco e non si fa capire.
La disaffezione ha prodotto impotenza. E l'impotenza una rabbia cupa che ora comincia a ordanizzarsi in atti collettivi di rivalsa. I cittadini non si fidano più dei mediatori sociali e si fanno giustizia da soli. Gli orfani delle ideologie tornano in piazza: non più per cambiare il mondo, ma almeno per spostare un bidone

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie

Anonimo ha detto...

Your blog keeps getting better and better! Your older articles are not as good as newer ones you have a lot more creativity and originality now keep it up!

Anonimo ha detto...

molto intiresno, grazie