lunedì 3 settembre 2007

La Chiesa esigente che piace ai giovani

Il messaggio del Papa ai quattrocentomila giovani italiani di Loreto è che la Chiesa cattolica rimane una Chiesa esigente. Non viene a compromessi con i «modelli di vita» dominanti, non fa sconti, non ha paura di proclamare «ciò che può sembrare perdente o fuori moda» ma che invece è «il risultato della vittoria dell'amore sull'egoismo». Anche sui temi più delicati - la sobrietà, l'umiltà, la castità - il Papa ricorda che «la pienezza di umanità» è nel Vangelo, e ne mostra i frutti attraverso il fiorire di buone opere di cui giustamente va orgogliosa la Chiesa in Italia.
Il Papa non cita le piccole miserie della politica italiana, ma l'evento stesso di Loreto è la più bella risposta agli attacchi. Dopo il Ferragosto delle accuse di pedofilia - che in alcuni casi si sono già sgonfiate in pochi giorni - il rientro dalle vacanze ha portato tre nuovi attacchi alla Chiesa. Qualche suggeritore italiano ha convinto l'Unione Europea - già normalmente maldisposta verso la Chiesa - a chiedere al nostro governo se le esenzioni dall'Ici di cui godono gli immobili ecclesiastici non permettano alla Chiesa una concorrenza sleale nei confronti dei proprietari di altri immobili. Bruxelles si è convinta facilmente che le mense Caritas per i barboni fanno concorrenza al ristorante dell'angolo, e le case per il soggiorno estivo degli handicappati alla vicina Pensione Miramonti.
Due quotidiani nazionali hanno sbattuto un altro prete in prima pagina, uno stimato parroco di Torino che ha rifiutato l'assoluzione a una signora che dichiarava di convivere e di voler continuare a farlo. Anche qualche «cattolico adulto» si è scagliato contro il parroco, quasi che tra i nuovi diritti ci sia ormai anche il diritto all'assoluzione. Sabato - in coincidenza con l'apertura dell'Agorà dei giovani di Loreto - buona parte del centrosinistra si è felicitata con le comunità valdesi e metodiste che, chiudendo il loro sinodo, hanno annunciato l'avvio di un percorso che dovrebbe portarle a riconoscere e benedire le unioni omosessuali. Troppo facile la contrapposizione fra le «buone» comunità protestanti tanto moderne e comprensive e la «cattiva» Chiesa di Benedetto XVI.
Ma - con tutto il rispetto per le buone opere delle istituzioni caritative valdesi - è più vicina alle attese dei giovani la Chiesa di Benedetto XVI delle comunità protestanti che tollerano l'aborto, l'eutanasia e le unioni gay. Lo dicono le cifre note ai sociologi. All'interno stesso del mondo protestante - negli Stati Uniti come in Europa e in Italia - le comunità conservatrici che sui temi morali sono più vicine alla Chiesa cattolica che ai valdesi crescono in modo spettacolare, mentre chi si adatta alla cultura dominante perde membri e rischia perfino di sparire. La triste parabola del declino del protestantesimo nel Nord Europa e il successo dei protestanti conservatori negli Stati Uniti ne sono la conferma. Le udienze di Benedetto XVI sono più affollate di quelle, già da record, di Giovanni Paolo II. I giovani, certo, non seguono sempre l'insegnamento della Chiesa. Ma non saprebbero che farsene di una Chiesa che gli dicesse che tutto quello che fanno va bene. Sono più attratti da una Chiesa esigente, capace quando è necessario di dire loro di no e di ammonirli, come ha fatto il Papa a Loreto, a non seguire chi privilegia «l'apparire e l'avere a scapito dell'essere». Sarà forse per questo che i sondaggi confermano che in Italia la Chiesa è considerata dai giovani più autorevole della scuola, dei media e del governo.


see u,
Giangiacomo

9 commenti:

Hoka Hey ha detto...

complimenti, veramente un gran bel post.

HH

Stefano "Free.9" Scardovi ha detto...

Spettacolare.

Anonimo ha detto...

come mai il numero dei giovani cresce scempre, prima 300 000, poi 400 poi 500, non è che tra un po ci volete far credere che tutto il mondo si genuflette a quel buffone vestito di bianco

Utopia ha detto...

Stavo ripassando un po' di storia romana, allorché mi sono imbattuto in un passo che riporto. Immaginate di adattare il testo ai giorni nostri e vedrete quanto è cambiato. Nulla. La religione dei romani è UGUALE a quella dei cristiani (ed in particolare dei cattolici).

"I Romani si vantavano di essere il più religioso dei popoli. Tuttavia la religione romana aveva ben poco a che vedere con la fede. Era piuttosto un insieme di atti di culto praticati dai membri della comunità. Non si richiedeva l'adesione spirituale dei singoli individui a un credo: era sufficiente la scrupolosa osservanza formale dei riti. Religione era l'atto di culto pubblico e collettivo, sia quello che i sacerdoti celebravano in nome dello Stato, sia quello che il capofamiglia celebrava in nome e al cospetto dei suoi familiari.
La meticolosità del culto rivela la concezione "contrattuale" della religione romana: la formulazione corretta delle preghiere e l'offerta dei sacrifici nelle forme prescritte erano condizioni necessarie e sufficienti per obbligare la divinità a contraccambiare i fedeli, esaudendone le richieste. Non si cercava di uniformare la propria condotta a dei comandanti o a delle norme morali, ma di ottenere, seguendo il corretto rituale, che gli dèi non si opponessero a una certa condotta."

Utopia ha detto...

x la cronaca... mi trovate qui: volevodire.blogspot.com

G. ha detto...

peccato che ci sia sempre il solito anonimo...

@ utopia: il fine del tuo post quindi, quale sarebbe?

see u,
Giangiacomo

nene ha detto...

grazie per il post, proprio bello. veramente.

[...e probabilmente utopia non è stato capace nè di ascoltare (quello che ha detto il papa), nè di leggere (quello che hai scritto tu)...!]

utopia ha detto...

rileggete il passo citato...
pensate davvero che ci sia distanza dal tuo post?

utopia
volevodire.blogspot.com

Igor ha detto...

bel post davvero michel.
grazie e un abbraccio.